Eventi

19 MARCANOVA Il nuovo Fidia del Neoclassicismo

Prosegue la rassegna cinematografica CINEMARTE-DOVE L’ARTE INCONTRA IL CINEMA, ideata dal Cinema Massaua Cityplex in collaborazione con il Centro per l’UNESCO di Torino e l’Accademia Albertina. 

PROSSIMO APPUNTAMENTO:

19 MARZO - ore 20,00

Cinema Massaua

"CANOVA. Il nuovo Fidia del Neoclassicismo".

INFO E PRENOTAZIONI

https://massauacityplex.it/film/5620

Dopo il grande successo della presentazione di "Degas, passione e perfezione" il 19 Marzo torna al Cinema Massaua il professore Antonio Musiari che introdurrà la splendida pellicola dedicata a Canova, il nuovo Fidia del Neoclassicismo.

Per tutti i possessori di Abbonamento Musei, per gli studenti dell'Accademia Albertina di Belle Arti e per i soci del Centro per l'UNESCO di Torino l'ingresso è consentito a tariffa ridotta (previa dimostrazione di appartenenza)

21 FEBMuseo Nazionale della Montagna - Mostra Post Water

Il Centro per l'UNESCO di Torino è stato invitato dal Museo Nazionale della Montagna ad intervenire in occasione del secondo appuntamento, in programma venerdì 22 febbraio, ore 15-17, del Public Program legato alla Mostra Post-Water, a cura di Andrea Lerda, presentando i dati UNESCO del World Water Development Report 2018.

L'intervento di Giovanni Chiesa partirà dalla scarsità dell’acqua disponibile e dal trend dei problemi ad essa legati e da essa provocata che tendono a crescere per chiarire cosa sono le NBS esemplificando che benefici possono portare e contemporaneamente il cambiamento culturale che comportano.

PROGRAMMA

18 FEBLEONARDO CINQUECENTO rassegna Cinematografica CinemArte

  19 FEBBRAIO 2019
ORE 20.00 Cinema Massaua (Piazza Massaua 9 Torino)

"LEONARDO CINQUECENTO" 

introduzione a cura del Prof. Alberto Cottino, docente di Storia dell'Arte dell'Accademia Albertina

In occasione dell’anniversario dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci – mentre in tutto il mondo fervono i preparativi per le celebrazioni ufficiali con cerimonie, mostre e rassegne di respiro internazionale per rievocare il suo talento universale e rendergli onore – arriva nelle sale cinematografiche italiane Leonardo Cinquecento, un’esclusiva produzione di Magnitudo Film dedicata al genio universale del Rinascimento e ai risvolti contemporanei delle intuizioni contenute nei famosi Codici Leonardeschi.

TRAILER http://www.magnitudofilm.com/it/

https://massaua.18tickets.it/film/5525


Per tutti i possessori di Abbonamento Musei,per gli studenti dell'Accademia Albertina di Belle Arti e per i soci del Centro per l'UNESCO di Torino l'ingresso è consentito a tariffa ridotta (previa dimostrazione di appartenenza).

 

- - Da ottobre 2018 a maggio 2019 il Massaua Cityplex, in collaborazione con l'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino (AABA) , il Centro per l'UNESCO di Torino (CUT) , il Museo Regionale di Scienze Naturali (MRSN) e Torino Abbonamento Musei, presenta
una stagione di appuntamenti con i documentari di Nexo Digital e Magnitudo Film legati al mondo dell'arte e dei musei introdotti da docenti universitari, curatori e esperti del settore - -


06 FEBMOSTRA fotografica FILARI DI LUCE

18 GENTorino sotto attacco - dalle leggi razziali alla liberazione

A ottant’anni dalla vergognosa pagina delle leggi razziali del 1938, l’Archivio Storico della Città di Torino propone una ricca esposizione (oltre 300 pezzi in mostra tra documenti, fotografie, disegni, mappe e oggetti) per ripercorrere le tappe cruciali della storia della città: il processo di discriminazione e di espulsione degli ebrei dalla vita sociale, le persecuzioni, la guerra, i bombardamenti, le scene di vita quotidiana nella città colpita, la paura, la ricerca di normalità e infine la Liberazione e il lento ritorno alla vita di prima.

INFO:

http://www.comune.torino.it/archiviostorico/mostre/mostre.html

UNESCO Network News

05 MARGiornata Internazionale della donna e 63 Commissione sulla condizione femminile

Nella Giornata Internazionale della Donna di quest'anno, l’UNESCO celebra il contributo delle donne alla società - in particolare nello spazio digitale – per riflettere su come possiamo garantire la piena attuazione dei loro diritti.

Un recente rapporto della Broadband Commission, redatto insieme all’UNESCO, ha evidenziato che il divario digitale di genere è in aumento: nel 2016 erano online oltre 250 milioni di donne in meno rispetto agli uomini. Le donne non sono solo meno connesse, ma beneficiano meno della formazione sull’utilizzo degli strumenti informatici e sulle relative competenze, hanno meno possibilità di essere assunte da aziende tecnologiche e, spesso, guadagnano meno dei loro colleghi maschi.

Per contribuire alla lotta contro gli stereotipi, tutti sono invitati ad unirsi al movimento globale #Wiki4Women, nato l'8 marzo 2018 presso la sede UNESCO di Parigi, quando la Fondazione Wikimedia organizzò l’evento “Edit-a-thon”, cui prese parte anche il Centro per l’UNESCO di Torino. Obiettivo del movimento #Wiki4Women è quello di inserire biografie di donne straordinarie della cultura, dell’educazione e della scienza in varie lingue, su Wikipedia (Attualmente sulle pagine di Wikipedia è disponibile solo una biografia su sei dedicata ad una donna).

63esima Commissione sulla condizione femminile (CSW) - Dall’11 al 22 marzo si terrà a New York la 63esima Commissione sulla condizione femminile (CSW) delle Nazioni Unite. Il tema prioritario di quest’anno è “Sistemi di protezione sociale, accesso ai servizi pubblici e infrastrutture sostenibili per la parità di genere e l'empowerment delle donne e delle ragazze”. Il riesame del tema già affrontato nella precedente sessione della 60 CSW del 2016 è “Empowerment femminile e sviluppo sostenibile”.

Il Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo, ONG UNESCO ed ONU, ed il Centro per l’UNESCO di Torino si uniscono alla Delegazione italiana che parteciperà alla CSW ed alle celebrazioni dell’8 marzo che si terranno all’UNESCO. I temi proposti sono stati variamente affrontati dal Forum e nei vari Paesi aderenti con risultati già comunicati in varie manifestazioni, nonchè in varie attività del Centro per l'UNESCO. 

Ci sembra il migliore dei modi perché l’8 Marzo non si esaurisca in 24 ore, ma determini impegni comuni e duraturi.

Auguriamo tutto il successo possibile!

Leggi il messaggio della Direttrice Generale UNESCO per la Giornata Internazionale della Donna

22 FEBGiornata della Lingua Madre e Giornata del Libro

Giovedì 21 febbraio, persone provenienti da tutto il mondo si sono riunite per celebrare la Giornata internazionale della lingua madre al campus delle Nazioni Unite.

Da febbraio 2000 si celebra la Giornata internazionale della lingua madre per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo e, con la sua Risoluzione 71/178, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2019 Anno internazionale delle lingue indigene.

Rispondendo all'appello della Direttrice Generale dell'UNESCO di utilizzare "le lingue indigene come fattore di sviluppo, pace e riconciliazione", il Centro Internazionale di Formazione dell'ILO e il Centro per l'UNESCO di Torino hanno organizzato un evento speciale, durante il quale i partecipanti alle attività di formazione, studenti  dei programmi di master e funzionari hanno letto poesie, testi e proverbi nella loro lingua, dando vita a una gioiosa e colorata cacofonia.

Dal cinese al creolo haitiano, dal sardo all'arabo, dal piemontese all'hindi, la diversità è stata ancora una volta al centro della nostra azione comune.


L'evento sarà riproposto in occasione della Giornata Internazionale del LIbro e del Diritto d'Autore:

11 aprile, ore 13.30, Valentino Bar (Campsu ONU di Torino)


21 FEB21 febbraio Giornata Internazionale della Lingua Madre

Quest’anno si celebra la ventesima edizione della Giornata Internazionale della Lingua Madre, sul tema

“Le lingue indigene come fattore di sviluppo, pace e riconciliazione”

legato al 2019 Anno Internazionale delle Lingue Indigene.

L’UNESCO sostiene l’importanza della diversità culturale nelle società sostenibili. È parte del suo mandato per la pace lavorare per preservare le differenze culturali e linguistiche, e promuovere la tolleranza e il rispetto verso gli altri.

Ogni due settimane una lingua sparisce portandosi via un’intera cultura ed un’eredità intellettuale.

La diversità linguistica è sempre più minacciata ogni volta che sparisce una lingua. Globalmente il 40% della popolazione non ha accesso ad un’educazione in una lingua che parla o comprende. Anche se tuttavia sono stati fatti progressi nell’educazione plurilinguistica basata sull’uso della lingua madre, è infatti cresciuta la consapevolezza della sua importanza, in particolare nei primi anni di scuola e ci si è impegnati per il suo sviluppo nella vita pubblica.

Le società plurilinguistiche e multiculturali esistono grazie alle loro lingue che trasmettono e preservano le conoscenze tradizionali e le culture in modo sostenibile.

Consultate l’approfondimento curato dal Centro per l’UNESCO di Torino sullo stato attuale delle lingue nel mondo e l’importanza della diversità linguistica.

Dal messaggio della Direttrice Generale dell’UNESCO:

Per l’UNESCO ogni lingua madre merita di essere conosciuta, riconosciuta e maggiormente valorizzata in tutte le sfere della vita pubblica. Purtroppo non va sempre così. Le lingue madri non sempre ottengono lo status di lingua nazionale, lingua ufficiale o lingua di istruzione. Questo porta alla svalutazione della lingua e, sul lungo periodo, alla sua definitiva estinzione.

In questo ventesimo anniversario della Giornata Internazionale della Lingua Madre, è importante ricordare che tutte le lingue madri contano e che sono tutte essenziali per costruire la pace e per supportare lo sviluppo sostenibile.

Link alla pagina dedicata sul sito dell’UNESCO

Messaggio integrale della Direttrice Generale dell’UNESCO_(traduzione a cura del Centro per l’UNESCO di Torino)

18 DIC18 dicembre - Giornata Internazionale dei Migranti

La Giornata Internazionale dei Migranti è stata proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2000 in ricordo dell’adozione, nel 1990, della Convenzione Internazionale sulla protezione dei diritti dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie.

L’Agenda 2030 promette di non lasciare nessuno indietro, migranti compresi. Ognuno di loro deve essere preso in considerazione. La preservazione dei loro diritti e della loro dignità significa rispondere ai bisogni umanitari e promuovere lo sviluppo sostenibile. Si tratta, prima di tutto, di difendere la nostra comune umanità attraverso la solidarietà.

La Direttrice Generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay, nel suo messaggio in occasione della Giornata, ci ricorda:

“Nel mondo si contano circa 258 milioni di migranti. Molti di loro sono alla ricerca di nuove opportunità di lavoro o di educazione. Altri si mettono in strada perché non hanno altra scelta che fuggire dalla guerra e dalle persecuzioni, o perché devono scappare dal circolo vizioso della povertà, dell’insicurezza alimentare e del degrado ambientale. I fatti dimostrano ampiamente che i migranti generano vantaggi economici, sociali e culturali in tutte le società. Purtroppo, con l’aumento di discorsi intolleranti, l’ostilità nei confronti dei migranti non smette di crescere in tutto il mondo”.

Continuiamo ad operare sul territorio, nella quotidianità, perchè anche le persone che si spostano, ovunque nel mondo, possano godere dei loro diritti fondamentali.

 

Messaggio della Direttrice Generale dell’UNESCO (traduzione in italiano a cura del Centro per l’UNESCO di Torino)

Link alla pagina dedicata sul sito dell’UNESCO

09 DIC10 dicembre - Giornata Mondiale dei Diritti Umani

 

 

 

 

 

 

 

Nel dicembre 1948, l’UNESCO fu la prima Agenzia delle Nazioni Unite a porre la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani al centro della sua azione e a promuoverla nel modno attraverso l’educazione e i media.

I Diritti Umani acquisiscono un senso nuovo quando diventano una realtà nella vita quotidiana di ogni persona nel mondo. I Diritti Umani sono alla base della missione dell’UNESCO in tutti i suoi ambiti di competenza: educazione, scienza, cultura e comunicazione. Nell’ambito delle celebrazioni per il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, l’UNESCO evidenzia il ruolo centrale che da sempre svolge nella protezione dei Diritti Umani.

Come ci ricorda la Direttrice Generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay, nel suo messaggio:

“Purtroppo, ancora una volta nella nostra storia, i Diritti Umani sono minacciati. In tutto il mondo, vediamo quanto facilmente possono essere spazzati via da stereotipi disumanizzanti e dell’insorgere di discorsi di intolleranza. I conflitti, l’estremismo violento e le catastrofi naturali possono seminare il caos e minare i diritti dei più vulnerabili all’interno delle nostre società. Le nuove tecnologie, in particolare l’intelligenza artificiale, possono rappresentare un pericolo se non vengono sviluppate nel pieno rispetto dei Diritti Umani. Dobbiamo rimanere sempre vigili affinché i progressi effettuati negli ultimi settant’anni non siano rimessi in causa e fare in modo che l’UNESCO continui ad essere quel grande laboratorio internazionale di idee che permettono di affrontare queste sfide.”

 

#StandUp4HumanRights #ItStartsWithMe

 

Messaggio Direttrice Generale UNESCO (traduzione in italiano a cura del Centro per l’UNESCO di Torino)

Link alla pagina dedicata sul sito dell’UNESCO

Ricerca nell'Archivio Tesi di Laurea









Cerca

Novità

Convegno Riconosci l'UNESCO in Piemonte

 

 

Lunedì 11 marzo si è tenuta a Palazzo Lascaris, sede del Consiglio Regionale del Piemonte, la seconda tappa del “Convegno Itinerante” RI-CONOSCI L’UNESCO IN PIEMONTE, il primo si è tenuto il 23 febbraio al Museo Paleontologico di Asti.

Si è iniziato con un ricordo per le vittime dell’incidente aereo avvenuto in Etiopia: quelle italiane, Sebastiano Tusa, Paolo Dieci, Matteo Ravasio, Carlo Spini, Gabriella Vigiani, Maria Pilar Buzzetti, Virginia Chimenti e Rosmary Mumbi ed anche le altre 149 provenienti da tutto il mondo.

Per descrivere li pomeriggio dell’11 marzo usiamo le parole del coordinatore e giornalista Beppe Rovera, che si è detto positivamente colpito dalla qualità e quantità di esperienze e progetti di cui si è parlato durante l’incontro; dichiara che “dopo una vita passata a descrivere il lato oscuro del nostro Paese, è bello finalmente sentir parlare persone entusiaste, convinte e dedicate a progetti per la valorizzazione di un territorio meraviglioso come l’Italia e in particolare il Piemonte”. Questa in sintesi è l’atmosfera che si è respirata ieri a Palazzo Lascaris, aria pulita dalla negatività, ricca di proposte e racconti che ci hanno aperto ancora una volta gli occhi e ci hanno permesso di ri-conoscere le bellezze di un territorio ancora troppo sottovalutato.

I relatori si sono dimostrati critici, ma in maniera estremamente costruttiva, oltre che propositivi ed entusiasti. Ognuno di loro ha scelto di raccontare storie di vita, a partire da piccole realtà fino ai grandi traguardi, per esemplificare il successo dell’UNESCO in Piemonte.

L’obbiettivo è quello di fare del “[]Tavolo di lavoro Distretto piemontese UNESCO”, una rete formata da partner differenti e cooperanti, “al fine di promuovere la visione integrata delle realtà UNESCO in Piemonte, fornire contributi ed elaborare proposte per lo sviluppo delle azioni regionali[…]” (Art.19, comma 4, della Legge Regionale 1 agosto 2018, n. 11).

Tra il pubblico e i relatori sedevano importanti esponenti di tutte le realtà piemontesi legate all’UNESCO: le autorità politiche, tra cui l’Assessore Parigi, la Consigliera Regionale Caputo e l’Assessore Unia; le realtà UNESCO piemontesi tra cui la professoressa Maria Paola Azzario presidente del Centro per l’UNESCO di Torino e i diversi rappresentanti dei Club per l’UNESCO, tra cui quelli di Ivrea e Terre del Boca con Carla Aira e Clio Pescetti; le singole realtà territoriali tra cui Franchina Benedetto direttore della Riserva MAB Ticino,  il coordinatore della candidatura di Ivrea Città Industriale Renato Lavarini, il direttore di Palazzo Madama Guido Curto, il presidente dell’associazione Landscapefor Professor Paolo Castelnovi e Renata Lodari Presidente dell’Ente di gestione dei Sacri Monti; ed ancora le due cattedre UNESCO di Torino dei Professori Marco Giardino e Marco Valle. Dal pubblico anche i ragazzi del Liceo Newton di Chivasso sono intervenuti per aggiungere un esempio di valorizzazione del Piemonte, da loro vissuto in prima persona, a Lauriano.

Ognuno ha contribuito a dimostrare che i risultati ottenuti fino ad ora sono ragguardevoli, ma soprattutto che c’è una forte volontà a continuare su questa strada per valorizzare le perle della nostra Regione.

L’incontro conclusivo di questo percorso si terrà alla Biblioteca Comunale di Barge in provincia di Cuneo il 30 Marzo dalle ore 16 alle ore 19. Vi aspettiamo numeros!


V. PROGRAMMA

 

LA VOCE AI GIOVANI 2019 - primo incontro

Lunedì 11 marzo si è svolto il primo incontro del programma “La Voce ai Giovani” per l’anno 2019.

L’incontro, guidato dalla prof. Dianella Savoia del Consiglio Direttivo del Centro per l’UNESCO di Torino, è iniziato con un breve intervento di Giovanni Chiesa che ha brevemente inquadrato i soggetti trattati nell’ambito delle tematiche UNESCO e ricordato l’importanza, peraltro poco conosciuta e sfruttata, del “Patrimonio Piemontese” nominato dall’UNESCO (5 Siti seriali, 1 riserva MAB, i Geoparchi, le Città Creative, le Cattedre UNESCO, i 12 Club per l’UNESCO ed il Centro per l’UNESCO di Torino.

Successivamente la prof.ssa Dianella Savoia ha presentato il programma La Voce ai Giovani, ricordando anche la prossima presentazione del 15 aprile. - v. sotto.

E’ seguita la presentazione della prima tesi, della Dott.ssa Noemi Iaia, Laurea Magistrale in Biologia cellulare e molecolare, Univ. di Torino, presentata dalla Prof.ssa Fiorella Biasi, Patologia Generale, Medicina e Chirurgia San Luigi Gonzaga, Univ. di Torino 
“L’IMPORTANZA DELLA DIETA NELL’INFIAMMAZIONE INTESTINALE”

Successivamente, introdotto dalla prof.ssa Marinella Clerico, il Dott. Alessandro Audisio ha presentato la tesi 
“IL RUOLO DEL MICROBIOMA INTESTINALE NEI PAZIENTI CON SCLEROSI MULTIPLA”

Un folto pubblico di studenti ha partecipato al seminario, oltre ai relatori delle tesi ed altri professori della facoltà di Medicina. 
Molto apprezzate le due tesi da parte dei docenti presenti e del pubblico; interesse testimoniato anche dalle domande che sono seguite alle esposizioni.

Relatori e docenti, oltre ad aver apprezzato il contenuto dei lavori presentati, hanno sottolineato positivamente l’iniziativa del Centro per l'UNESCO e dei docenti che l’hanno accolta, sia come contributo alla diffusione dei risultati delle ricerche effettuate, sia come contributo al rafforzamento delle capacità di comunicazione degli autori delle Tesi di Laurea.

PROSSIMO APPUNTAMENTO 
15 aprile H 16 
Via Accademia Albertina Dip. Scienza della Vita
“Analisi proteomica del metabolismo della cellulosa in Clostridium cellulovorans”
e Conferenza su “Come ottenere bioplastica da cellulosa” prof. Roberto Mazzoli.

v. tutto il programma Prossimi appuntamenti 2019:

15 aprile, 23 settembre, 21 ottobre- V. il programma

 

 

Evento di presentazione del progetto PON-scuola Potenziamento dell'educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico

Aula Magna Cavallerizza Reale, 21 febbraio 2019 - ore 9:00 - 14:00

Giovedì 21 febbraio 2019, ore 9:00 - 14:00, presso l'Aula Magna della Cavallerizza Reale (Via Verdi, 9), con il patrocinio dell'Università di Torino, si è tenuto l'evento di presentazione del progetto PON-scuola "Potenziamento dell'educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico".

 

Il Progetto coinvolge:

  •  4 Istituti Scolastici: IISS E. Rotterdam di Nichelino (capofila), IISS A. Avogadro di Torino, IISS E. Majorana di Torino, LS A. Monti di Chieri. Ciascuno dei 4 Istituti partecipa con 2 classi;
  •  2 Associazioni: Centro per l’UNESCO di Torino e Associazione Culturale Landscapefor;
  • i Comuni di Torino, Chieri, Moncalieri e Nichelino.

 

 

 

 

La mattinata si è svolta come da programma: dopo un breve saluto delle autorità, il Vice Sindaco del Comune di Chieri, Manuela Olia, il Responsabile archivio storico della Biblioteca di Chieri Vincenzo Tedesco e l’Assessore alla Cultura, Turismo, Biblioteca della Città di Moncalieri Laura Pompeo, la Prof.ssa Maria Vittoria Bossolasco, Dirigente Scolastico IISS E. Da Rotterdam di Nichelino, ha presentato il progetto agli studenti.

Successivamente, è stato introdotto il tema e gli obiettivi chiave dell’iniziativa dalla Prof.ssa Maria Paola Azzario, Presidente del Centro per l’UNESCO di Torino, e dal Prof. Paolo Castelnovi, Presidente dell’Associazione Landscapefor, promotrice del progetto.

In seguito, i ragazzi dell’Associazione Landscapefor hanno fornito una dimostrazione pratica d’utilizzo della piattaforma Atlas, e dopo un breve intervallo, il Prof. Andrea Longhi del Politecnico di Torino ha tenuto una breve lezione su come raccontare gli aspetti storici, e gli studenti diplomandi dell’Istituto Avogadro hanno fornito testimonianze sul lavoro svolto negli scorsi due anni.

Altre fotografie della Giornata sono disponibili sulla nostra pagina Facebook.

Il progetto di rete porta quasi 200 studenti di quattro scuole a produrre materiali e racconti del patrimonio urbano e del territorio metropolitano torinese, organizzati per punti e itinerari che contribuiscono a un Atlante già in formazione, di diretto accesso al pubblico. I territori scelti sono quelli di contesto alle scuole, più frequentati dagli studenti, con evidenza del patrimonio storico paesaggistico, che in molti casi è poco conosciuto dal punto di vista storico, paesaggistico, ambientale.

I materiali che si chiede di ricercare e ordinare sono prevalentemente multimediali (foto, video, interviste) e vengono raccolti e inseriti in un atlante on line, dove i vari punti di interesse vengono geolocalizzati e possono essere sistematicamente implementati, corretti, arricchiti (ad esempio con traduzioni in lingua).

In questo modo i ragazzi partecipano a un’impresa di documentazione a livello nazionale: uno strumento al servizio sia dell’abitante, che trova motivo di riconoscimento identitario nelle immagini e nei particolari raccontati del suo territorio, sia del turista (anche scolastico), che si trova on-line, sullo smartphone o sul tablet, il confronto di ciò che sta visitando con le foto storiche, i progetti o i frame di film che sono stati registrati sul luogo.

 

 

 

 

Giornata Mondiale della Radio 2019

L’ottava edizione della Giornata Mondiale della Radio si terrà il 13 febbraio 2019 sul tema: Dialogo, Tolleranza e Pace. L’UNESCO invita tutte le stazioni radio, le autorità di regolamentazione e le relative organizzazioni ad aderire alla Giornata, celebrando l’impatto della radio nel perseguimento di un mondo più tollerante e pacifico.


Il Centro per l'UNESCO di Torino partecipa alla Giornata diffondendo l'opera dei Club e Centri per l'UNESCO sul territorio con un'intervista a Caterpillar e diffondendo il video dell'UNESCO "Lab of ideas, Lab for change" che presenta l'impegno dell'UNESCO per la realizzazione dell'Agenda 2030: 

https://www.youtube.com/watch?v=zt7l1Ky4-gQ

 

CLICCATE QUI per la trascrizione in italiano, a cura del Centro per l'UNESCO di Torino, delle didascalie del video.

 

Dal messaggio della Direttrice Generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay:

“In tutto il mondo, dalle stazioni radio che si rivolgono agli abitanti delle bidonvilles in Kenya a quelle destinate alle minorità della Mongolia o alle comunità autoctone del Messico, l’integrazione di popoli diversi rende le nostre società più resilienti, aperte e pacifiche.

Le sfide che ci attendono, dai cambiamenti climatici ai conflitti, alla recrudescenza di discorsi di divisione, dipendono sempre più dalla nostra capacità di comunicare gli uni con gli altri e di trovare soluzioni comuni.”


MESSAGGIO INTEGRALE della Direttrice Generale, tradotto in italiano a cura del Centro per l'UNESCO di Torino

 

 

 

 

 


 

Visite del Liceo Juvarra al Centro per l'UNESCO

Nelle mattinate del 24,25,29 e 31 gennaio 2019 il Centro per l’UNESCO di Torino ha ospitato quattro classi quinte del Liceo Juvarra di Venaria, per un totale di circa 100 studenti.

Ogni incontro ha previsto, dopo una visita al Campus ONU, alla scoperta dei Padiglioni che ospitano le Organizzazioni Internazionali con sede a Torino; gli interventi di Luigi Buson, Chief Operation Officer, Facilities and Internal Services-ITC/ILO; Marina Mazzini, Formazione Pubblica- UNICRI e Maria Paola Azzario, Presidente Centro per l’UNESCO di Torino.

Il Dottor Buson, ha presentato le principali attività dell’International Training Center dell'ILO, basate sul tema del decent work, sui principi fondamentali del lavoro e dei diritti legati ad esso, è stato inoltre descritto come si articolano i corsi di formazione offerti a migliaia di aziende e lavoratori, che ogni anno vegnono ospitati al Campus ONU. A seguire, la Dott.ssa Mazzini, ha descritto principi e finalità dell’UNICRI, sono stati analizzati i campi d’intervento, alcuni esempi sono la lotta al crimine internazionale, la tratta degli esseri umani, la protezione delle vittime di reato.

Dopo un break al Valentino bar, durante il quale gli studenti hanno potuto assaporare l’aria internazionale e multiculturale che si respira al Campus,  la Prof.ssa Azzario ha introdotto il tema dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 ONU, con particolare attenzione all’Obiettivo 4-Quality Education, per il quale l’UNESCO è l’Organizzazione di riferimento. Sono poi state illustrate le attività del Centro per l’UNESCO di Torino.

Gli incontri si sono conclusi con le valutazioni personali degli studenti, dalle quali è emerso che l’esperienza è stata per tutti positiva, poiché ha permesso di ampliare gli orizzonti e diventare “cittadini del mondo” più consapevoli e informati.

Grazie a tutti per la partecipazione!

 

MATHERA

22 gennaio, ore 20, Cinema Massaua (Piazza Massaua, 9 - Torino)

Il 19 gennaio si terrà, nella città dei sassi, la cerimonia inaugurale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

Il Centro per l'UNESCO di Torino contribuisce alla celebrazione con la presentazione, martedì 22 alle ore 20, presso il Cinema Massaua (Piazza Massaua, 9 - Torino) del documentario "Mathera".

Prosegue così al Cinema Massaua la rassegna “CinemArte", con l'appuntamento del 22 gennaio, per la proiezione del documentario:

MATHERA: quello che è stato più di tutti il luogo rappresentativo della vita contadina e delle tradizioni rurali italiane, diventa oggi patrimonio dell’UNESCO. Qualificato come una delle mete turistiche più desiderate, si trova al centro di un territorio estremamente dinamico dove tradizione, scienza e tecnologia consentono un viaggio tra il passato, il presente e il futuro dell’umanità. 

Il documentario sarà introdotto da MARIA PAOLA AZZARIO, Presidente della Federazione Italiana delle Associazioni, Club e Centri per l'UNESCO.

Sconto sul prezzo del biglietto per i soci del Centro per l’UNESCO di Torino.

https://www.massauacityplex.it/p/dove-l-arte-incontra-il-cinema

 

Terzo incontro di formazione per insegnanti

Percorso Formativo 2018/19 Patrimonio immateriale: il cibo come mediatore culturale

 

 

Lunedì 14 gennaio 2019, si è tenuto, presso il Campus ONU -Padiglione Africa,  il terzo incontro del corso di formazione per gli insegnanti del Percorso Formativo “Patrimonio Immateriale: il cibo come mediatore culturale”.

 

E' intervenuto il Prof. Paolo Corvo, Direttore del Laboratorio di Sociologia dell'Università di Scienza Gastronomiche di Pollenzo, sul tema "Cibo, cultura e società". 

Dopo un ottimo rinfresco a base di prodotti tipici piemontesi, offerto dal Club per l'UNESCO di Pollenzo, sono state presentate due testimonianze di integrazione scolastica, grazie al cibo. Nello specifico sono intervenute due insegnanti delle Scuola elementare Salvemini di torino e del CPIA1 (Centro Provinciale Istruzione Adulti), per raccontare ai colleghi alcuni progetti messi in atto nelle loro realtà scolstiche.

Prossimo appuntamento: lunedì 11 febbraio ore 15.00  

Partecipazione riservata agli insegnanti iscritti al Percorso Formativo.

Info: 0116936425 info@centrounesco.to.it