Eventi

21 MARGiornata Mondiale della Poesia

Il 21 marzo di ogni anno, si celebra la Giornata Mondiale della Poesia, una delle più preziose forme di espressione e identità culturale e linguistica dell'umanità. La poesia parla dei nostri valori condivisi, trasformando la più semplice delle frasi in un potente strumento di dialogo e pace,  in ogni cultura e in ogni continente.

 

L'UNESCO adottò per la prima volta la Giornata mondiale della poesia durante la sua 30° Conferenza generale, a Parigi nel 1999, con l’obiettivo di sostenere la diversità linguistica attraverso l'espressione poetica ed incrementare l’ascolto di lingue in via di estinzione. La Giornata mondiale della poesia è occasione per onorare i poeti, far rivivere le tradizioni orali, promuovere la lettura, la scrittura e l'insegnamento della poesia, favorire la convergenza tra la poesia e altre arti come teatro, danza, musica e pittura ed aumentare la visibilità della poesia nei media.

Celebriamo il potere della poesia di allontanarci dalla realtà quotidiana!

La poesia ci ricorda la bellezza intorno a noi e la capacità di resilienza dello spirito umano.

www.unesco.org 

19 MARPresentazione progetto Giardino della salute Ospedale Cardinal Massaia di Asti

Dopo una lunga ed articolata riflessione sul tema del Verde terapeutico, avviata grazie all’interesse e disponibilità dell’ASL di Asti, che ha ampiamente coinvolto la realtà astigiana del mondo dell’Associazionismo e dei Collegi ed Ordini professionali, giovedì 29 marzo prossimo alle ore 15.00 avrà luogo la realizzazione di una prima significativa parte del “GIARDINO DELLA SALUTE” dell’Ospedale Cardinal Massaia di Asti con la piantagione di una cinquantina di alberi scelti con cura per il valore ornamentale e per l’assenza di problematiche connesse alla produzione di pollini allergenici. Sarà un grande momento di Festa per l’intera comunità astigiana che vedrà avviato concretamente un progetto per rendere più bello ed accogliente l’Ospedale della Città. Tutta la popolazione è invitata per vivere assieme un momento importante e coinvolgente di concreta attenzione per un bene comune quanto mai prezioso qual è l’Ospedale. Parteciperà all’inaugurazione ufficiale del Giardino l’Assessore regionale ANTONIO SAITTA. 

Le Associazioni astigiane sostenitrici del progetto del Giardino della Salute organizzano un MOMENTO INFORMATIVO rivolto a tutta la popolazione per spiegare nel dettaglio l’area oggetto di intervento, le specie vegetali prescelte e le modalità di prossima realizzazione dell’area verde: MERCOLEDÌ 21 MARZO alle ore 21.00 presso il Cinema Lumiere (Corso Dante Alighieri 188 ad Asti). Le Associazioni ricordano che l’intero progetto è basato solo ed esclusivamente su donazioni, non gravando in alcun modo su fondi pubblici, e che quindi l’incontro di mercoledì 21 marzo sarà anche l’occasione per una raccolta fondi che consenta di coprire le spese di acquisto delle piante. 

Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.asl.at.it oppure contattando Legambiente Gaia al 338/693.32.87 

09 MARPartecipazione all'evento UNESCO Wikiwoman

Il pomeriggio dell’8 marzo in occasione della Giornata Internazionale della Donna, presso la sede UNESCO di Parigi la Fondazione Wikimedia ha organizzato l’evento #Wiki4woman a cui ha partecipato anche la Direttrice UNESCO Mme Audrey Azoulay.
La presenza di 150 delegati da tutta Europa rileva quanto siano sentite le problematiche di parità di genere ovunque. 
La collaboratrice volontaria del Centro per l'UNESCO Laura Vazzoler, era l’unica rappresentante italiana, e ci manda questo report: "Il fatto che su Wikipedia inglese siano presenti più di 5 milioni di voci e sui Wikipedia francese ed italiano meno di 2 milioni ciascuno ci fa comprendere quanto lavoro gratuito e no profit ci sia da svolgere. Questo evento mirava ad insegnare specificatamente al mondo femminile come aggiornare materialmente la free enciclopedia di Wikipedia dove tutte le contributrici devono sforzarsi di seguire le politiche comunitariamente basate sulla verificabilità e sul divieto di copiare da altre fonti. 
Attualmente solamente il 17% dei profili Wikipedia sono relativi a donne: occorre cambiare questa situazione soprattutto invitare le giovani generazioni a superare le differenze di genere, sia da parte di chi vuole aggiornare e discutere sui profili esistenti, sia di chi vuole incrementare Wikipedia con profili di donne che si siano particolarmente distinte nei campi della ricerca, istruzione, cultura e delle scienze sociali, umane, della comunicazione e dell’informazione-ambiti specifici di cui si occupa da sempre l'UNESCO".

 

15 FEBLa visita accessibile nei luoghi del vino

Venerdì 16 febbraio 2018 dalle 17:00 alle 19:00 (CET) Ampelion - Aula Magna Università Enologia Viticultura di Alba, Corso Enotria, 2, Consorizio Barolo e Barbaresco, 12051 Alba CN

L’attività si inscerisce all’interno di “Land(escape the disabilities - Un paesaggio per tutti”, finanziato a valere sui fondi Legge 77/2006 misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella Lista del Patrimonio Mondiale, posti sotto la tutela dell’UNESCO.

Il progetto si propone di migliorare l’accessibilità del sito UNESCO di Langhe-Roero e Monferrato, nell’ottica della conservazione e valorizzazione, permettendo al più ampio numero di persone possibile di conoscerne i valori e godere dei variegati aspetti che caratterizzano il paesaggio, secondo l’approccio della “catena dell’accessibilità” e della progettazione universale inclusiva.Si intende ragionare sul concetto di accessibilità al paesaggio con particolare attenzione alle persone che presentano esigenze specifiche.

Per conoscere il programma nel dettaglio: http://www.paesaggivitivinicoli.it/wp-content/uploads/2018/02/programma_16-febbraio-2018-2-1.pdf

Info: segreteria@paesaggivitivinicoli.it

18 GEN I MaB's Ambassadors presentano la Riserva CollinaPo a Roma

Venerdì 12 gennaio 2018, presso il WEGIL a Roma i giovani di Baldissero Torinese hanno presentato al Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli la Riserva Mab CollinaPo, conosciuta attraverso il progetto MaB's Ambassador.

Il progetto infatti ha avuto un importante riconoscimento nell'ambito dell'iniziativa nazionale UnescoEdu ed è stato selezionato per rappresentare il Piemonte a Roma: 19 regioni italiane, 22 tra scuole e università, più di 2.000 studenti hanno partecipato ad #UNESCOEdu - La scuola a regola d'arte, il progetto di promozione dei patrimoni materiali e immateriali e della cittadinanza globale.

Nell’anno 2017 il Parco del Po Torinese ha partecipato alla realizzazione del progetto educativo MaB's Ambassador in collaborazione con il Comune di Baldissero Torinese, con il Comitato Giovani Unesco, con il Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino e con realtà associative del territorio, per sensibilizzare i giovani cittadini sulle opportunità rappresentate dal programma Unesco MaB che nel 2016 ha nominato Riserva della Biosfera Collina Po il territorio nel quale è compreso il Parco.

Nel mese di dicembre 2016 il Comune di Baldissero Torinese aveva proposto ai ragazzi residenti nel proprio territorio e frequentanti percorsi formativi differenti presso gli Istituti Superiori Monti e Vittone di Chieri, di effettuare degli stage formativi validi ai fini dell’Alternanza Scuola Lavoro da svolgersi in 52 ore nel mese di giugno. Il Parco aveva quindi ospitato presso la propria sede delle Vallere a Moncalieri i 12 ragazzi che avevano aderito al progetto: i ragazzi erano interessati ad approfondire le tematiche legate alla conoscenza delle peculiarità del proprio territorio ed alle opportunità che questo può offrire e, durante la visita presso l’Ente di Gestione delle Aree protette del Po torinese, avevano incontrato professionalità diverse affrontando questi temi.

Il progetto ha rappresentato una proficua occasione per conoscere il territorio e comprendere come poterlo valorizzare e conservare anche grazie all’innovazione tecnologica: attraverso attività su campo, quali sopralluoghi e visite, ma anche con attività di ricerca che hanno coinvolto la popolazione e operatori economici i ragazzi hanno studiato il territorio, consultato gli archivi storici, imparato a leggere la documentazione cartografica cartacea e digitale, hanno svolto uscite ed interviste, ragionando sull’evoluzione e la trasformazione che il territorio ha avuto nel tempo dal punto di vista, culturale, economico e paesaggistico.

Le attività educative sono una componente importante dei piani di attività delle riserve della biosfera che sono chiamate a incrementare la conoscenza e la coscienza dei valori che i territori possiedono, specie nelle giovani generazioni.

Il percorso formativo svolto dai ragazzi, frutto di un lavoro di sinergia, svolto con passione e professionalità da tutti quanti hanno collaborato alla sua realizzazione è presentato nel seguente link preceduto dai saluti istituzionali di Paolo Petrocelli, Presidente di Unesco Giovani. 

UNESCO Network News

22 MARGiornata Mondiale Acqua

Tema della Giornata Mondiale dell'Acqua 2018: La Natura per l'Acqua  

"La questione delle risorse di acqua potabile è uno dei principali problemi del nostro secolo. Le sue implicazioni sono molteplici: umanitarie, ecologiche e geopolitiche. Una delle possibili risposte si può certamente trovare nelle cosiddette "soluzioni basate sulla natura": soluzioni che si ispirano al ciclo naturale dell'acqua e che incoraggiano la protezione e il ripristino delle biosfere. 

Al fine di evidenziare il potenziale molto promettente di questo tipo di soluzione sostenibile, quest'anno per la Giornata Mondiale dell'Acqua, le Nazioni Unite si concentreranno sul tema: "La Natura per l'Acqua" [...] 3,6 miliardi di persone in tutto il mondo, circa la metà della popolazione mondiale, vivono in aree potenzialmente povere di acqua,  per almeno un mese all'anno. Questa cifra potrebbe salire a più di 5 miliardi nel 2050.

Allo stesso tempo, la domanda mondiale di acqua, attualmente stimata a circa 4.600 km3 all'anno, potrebbe raggiungere 5.500 km3 o 6.000 km3 all'anno. A 4.600 km3 all'anno, l'attuale utilizzo globale di acqua dolce è già vicino alla soglia massima di sostenibilità e questo fragile equilibrio maschera infatti le principali disparità locali e regionali [...].

Le ragioni di questa carenza globale sono ben note: le risorse di acqua dolce sono continuamente sotto pressione a causa della crescita della popolazione globale, dei cambiamenti climatici, dell'aumento esponenziale dei consumi e della diffusione di stili di vita che sprecano risorse [...] È quindi urgente trovare soluzioni per proteggere il capitale naturale della Terra. Devono essere promosse soluzioni che proteggano, gestiscano e ripristinino gli ecosistemi naturali e modificati e che rispondano alle sfide umìane ed ecologiche in modo efficace e sostenibile, migliorando il benessere delle persone e preservando la biodiversità [...]. 

Mentre le Nazioni Unite lanciano il Decennio Internazionale per l'Azione, "Acqua per lo sviluppo sostenibile",l'UNESCO ribadisce il suo impegno a sostenere i governi nella transizione verso economie verdi e “cicliche”e nei loro sforzi per attuare politiche idriche meglio integrate. Tutti questi sforzi devono contribuire alla realizzazione dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile, in cui la questione cruciale dell'acqua va di pari passo con questioni altrettanto importanti: sradicamento della povertà; assistenza sanitaria; crescita economica; costruire città sostenibili; sviluppare modelli di consumo e produzione responsabili; e di conseguenza, la pace".

Messaggio di Audrey Azoulay, Direttore Generale UNESCO v. il messaggio completo 

Traduzione a cura del Centro per l'UNESCO di Torino 

17 NOVIl Corriere UNESCO ottobre/dicembre 2017

Il tema dell’ultimo numero del Corriere UNESCO (ottobre-dicembre 2017) è

La cultura come fondamento della Pace

Il Corriere UNESCO di questo numero presenta nella prima sezione Wide Angle (pp. 6-33) una storia dei progressi della legge internazionale per la protezione del patrimonio culturale e tre storie su come l’arte e la cultura possono diventare un mezzo per rompere il cerchio di violenza e vendetta e promuovere la pace e la conciliazione.

La seconda sezione Zoom (pp. 34-41) è un reportage fotografico dalla Siria che riassume in commoventi scatti il mondo dell’istruzione e della guerra e la vita dei bambini siriani.

La terza sezione Our Guest (pp.50-53) contiene un’intervista a Ouided Bouchamaoui, vincitrice del Premio Nobel per la Pace nel 2015, che ha tutto il sapore di un appello nei confronti delle istituzioni e del settore privato per appoggiare e incoraggiare i giovani imprenditori.

La quarta sezione di Attualità (54-63) riporta interviste e reportage sulle novità del momento. In questo numero vi sono scoperte archeologiche, energie alternative e iniziative internazionali tutte legate da una tematica comune: le navi.

Per finire una quinta sezione di News dal mondo (pp. 64-66).

Il Centro per l’UNESCO di Torino, come di consueto, ha redatto una versione ridotta del Corriere UNESCO che include: copertina, la traduzione in italiano dell’editoriale, l’indice, le “Pubblicazioni” e i “Contributors” in lingua inglese.

La versione integrale del Corriere è scaricabile gratuitamente al link https://en.unesco.org/courier/2017-october-december nelle 7 lingue ufficiali dell’Organizzazione (inglese, francese, spagnolo, russo, arabo, cinese e portoghese). 

Versione ridotta del Corriere UNESCO ottobre-dicembre 2017 (a cura del Centro per l’UNESCO di Torino)

24 OTT24 ottobre - Giornata Internazionale delle Nazioni Unite

L’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) è un’unione di stati con vocazione universale che ha sede a New York ed è costituita da 193 stati membri e più di 4.000 Organizzazioni Non Governative e Intergovernative; il suo operato si fonda su gli articoli della Carta delle Nazioni Unite entrata in vigore il 24 ottobre 1945, giorno in cui ogni anno viene celebrata la Giornata Internazionale delle Nazioni Unite.

Gli obiettivi dell’Organizzazione sono: tutelare la pace e la sicurezza internazionale; favorire la soluzione delle controversie tra paesi; promuovere le relazioni amichevoli tra i popoli in ottemperanza al principio di uguaglianza tra gli Stati e l’autodeterminazione dei popoli; incrementare la cooperazione economica e sociale; promuovere il rispetto dei diritti umani, il disarmo e il rispetto per il diritto internazionale.

Il mondo odierno è caratterizzato da equilibri molto fragili; e l’ingerenza di sempre più Paesi che vogliono far sentire la propria voce rende indispensabile un canale di confronto e di mediazione che favorisca la diplomazia e la comunicazione. Per questo è necessario ricordare l’impegno delle Nazioni Unite per la promozione della pace a livello mondiale.

La giornata delle Nazioni Unite si celebra in tutto il mondo: da Ginevra (Svizzera), a Vienna (Austria), a Nairobi (Kenya) e Hague (Olanda),  con concerti e bandiere delle Nazioni Unite issate su importanti edifici pubblici. A New York, nella sede principale, si terrà una celebrazione ufficiale con lettura della Carta. Interverrà il deputato del Segretario Generale, la Signora Amina J. Mohammed, e le tematiche principali saranno innovazione, parità di genere e le tematiche relativa all’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Tra gli eventi organizzati in Italia, si ricorda l’incontro tenuto il 19 ottobre, presso l’istituto ISI Pertini di Lucca, dal Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, con la collaborazione dell’Associazione Robert F. Kennedy Foundation of Europe Onlus.

Qui di seguito il messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, in occasione della Giornata:

"Il mondo si trova ad affrontare seri problemi. Conflitti e ineguaglianze che si intensificano. Condizioni atmosferiche estreme che si moltiplicano e feroce intolleranza che guadagna terreno. La nostra sicurezza minacciata, in particolare dalle armi nucleari. Tuttavia abbiamo gli strumenti e le risorse necessarie per vincere queste sfide. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la volontà di farlo. I problemi del mondo non hanno frontiere. E dobbiamo superare le nostre differenze se vogliamo trasformare il nostro futuro. Quando avremo dato a tutti i popoli la possibilità di godere dei loro Diritti Umani fondamentali e di vivere nella dignità, questi stessi popoli saranno gli artigiani della costruzione di un mondo pacifico, sostenibile e giusto. In questa Giornata, spetta a “Noi popoli delle Nazioni Unite” concretizzare questa aspirazione. Grazie". Antonio Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite

14 LUGI nuovi Siti Patrimonio dell'Umanità

12 luglio 2017, Cracovia, Polonia: Il Comitato del Patrimonio Mondiale, che si è riunito a Cracovia a partire dal 2 luglio, ha concluso oggi la sua sessione annuale. Il Comitato ha inserito 21 nuovi siti alla Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO e ha allargato i confini di cinque Siti già presenti nella Lista.

I nuovi inserimenti portano a 1.073 il numero totale dei Siti nella Lista del Patrimonio Mondiale.

I nuovi Siti naturali inseriti nella Lista sono sono:

I nuovi Siti Culturali: 

Siti i cui confini sono stati estesi:

Tra i Siti culturali, il quinto dell’elenco - “Opere di difesa veneziane del XVI e XVII secolo",  comprende una parte del territorio italiano e raggruppa 15 complessi di difesa , distribuiti tra Italia, Croazia e Montenegro. La parte di territorio italiana è compresa tra la Lombardia - a ovest e la Costa Adriatica - a est. Per decisione del Comitato del Patrimonio Mondiale, entrano a far parte del Sito UNESCO le opere di difesa presenti a Bergamo, Palmanova, Peschiera del Garda per l'Italia, Zara e Sebenico per la Croazia, Cattaro per il Montenegro. 

Durante il Comitato è stata inoltre approvata l'iscrizione della candidatura italiana alle "Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa". Il Sito è un’estensione transnazionale delle foreste primarie di faggi dei Carpazi e  di vecchie foreste  di faggi di Germania (Slovacchia, Ucraina e Germania che si estende su dodici paesi). In seguito all’ultima era glaciale, le foreste di faggi in Europa si sono fortemente estese, nell’arco di mille anni, e  in particolar modo nelle Alpi, nei Carpazi, nel Mediterraneo e nei Pirenei, processo che continua ai giorni nostri. Tale espansione delle foreste di faggio è dovuta alle caratteristiche stesse della pianta che si adatta a diverse condizioni climatiche, geografiche e fisiche.

Con ben 53 siti nella lista del Patrimonio Mondiale l'Italia continua ad essere il paese con il numero maggiore di iscrizioni, seguito dalla Cina con 52 siti

05 GIUGiornata Mondiale dell'Ambiente

Dal 1972, il 5 giungo si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente: un’occasione – per tutti e ovunque – di organizzare migliaia di eventi, dalla pulizia dei quartieri al contrasto dei crimini verso la fauna e al ripristino delle foreste.

Quest’anno il tema scelto è “Connettere le persone alla Natura”: un invito incalzante a uscire di casa, immergersi nella natura appezzandone la bellezza e l’importanza, comprendendo che è necessario prendersi cura della Terra che condividiamo.

Dimostrare la connessione con la natura in modi diversi, divertenti e rispettosi, è una sfida che ci permette di riconoscere il carattere vitale e inevitabile che questa relazione possiede.

Per ottenere più informazioni riguardo al World Environment Day 2017, http//:worldenvironmentday.global/ .

#WorldEnvironmentDay#SustainableDevelopment #SDGs #Agenda2030 #ParisAgreement #ClimateChange #ActOnClimate

#WithNature Respira nella bellezza e ricorda che curando il nostro pianeta, ci curiamo anche noi.

 

"Potrebbe sembrare difficile da credere ora, ma, cinquant’anni fa, si pensava che il modo migliore per proteggere la natura fosse allontanare l’uomo da essa…Oggi, sappiamo che non è così. Sappiamo che più è stretto il rapporto tra le persone e il loro ambiente naturale, più esse sono propense ad apprezzare l’importanza della natura e della sua biodiversità, del patrimonio e delle risorse idriche, per il loro benessere e per il futuro del Pianeta [...]

Le Riserve delle Biosfera UNESCO, i Geoparchi Mondiali UNESCO e i luoghi dichiarati Patrimonio Mondiale, che spesso ricoprono superfici strategiche o risorse idriche sotterranee essenziali, riuniscono più di 2000 siti straordinari in tutto il mondo.  Tutti coinvolgono le popolazioni locali e sono aperti al pubblico, perché sappiamo che questa è la via più sicura per favorire uno sviluppo più inclusivo e sostenibile, rispettoso dei confini del pianeta [...]"

Messaggio di Irina Bokova, Direttore Generale dell’UNESCO, in occasione del World Environment Day, 5 giugno 2017

(http://on.unesco.org/2rAHWji)


Ricerca nell'Archivio Tesi di Laurea









Cerca

Novità

Gionata Conclusiva Percorso Formativo Turismo Sostenibile in Piemonte a partire dai Siti UNESCO

ambiente patrimonio ed economia

Venerdì 4 maggio 2018, presso il Campus ONU di Torino, Padiglione Piemonte, dalle ore 10.00 alle ore 17.00, si svolgerà la Giornata Conclusiva del Percorso Formativo 2017/2018 “Turismo Sostenibile in Piemonte, a partire dai Siti UNESCO: ambiente, patrimonio ed economia”, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado della Regione Piemonte, al quale hanno aderito 30 scuole, per un totale di 1000 tra studenti ed insegnanti. 

 

Il Percorso Formativo celebra l’Anno Internazionale del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo, ed è realizzato con la collaborazione dell’Assessorato all’Istruzione della Regione Piemonte e dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte.

 

Il 4 maggio, gli studenti iscritti al Percorso mostreranno ai loro coetanei i lavori realizzati sui temi: Ambiente, Economia, Patrimonio. Una Mostra dei lavori degli studenti, farà da cornice alla manifestazione. Interverrano inoltre le autorità e gli esperti che hanno contribuito alla realizzazione del Percorso.

 

Hanno già confermato la presenza: Yanguo Liu, Direttore ITC/ILO; Beppe Rovera, giornalista RAI; Marta Fusi, Direttrice Palazzina di Caccia di Stupinigi, Chiara Teolato, storica dell’arte Segretariato regionale MIBACT, Roberto Cerrato, Direttore Associazione Paesaggi Vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato; Andrea Masino, Communication Manager-Agrinnova; Paolo Castelnovi, Presidente Associazione Landscapefor.


Presto sarà disponinile il programma completo dell'evento. 

La partecipazione è riservata alle scuole iscritte al Percorso Formativo

Per informazioni: info@centrounesco.to.it

 

 

LETTURE DAL MONDO

23 APRILE 2018 - Campus ONU

LETTURE DAL MONDO

23 aprile - ore 13-14

 

CAMPUS ONU DI TORINO, Valentino Bar

 

Una molteplicità di lingue per celebrare la

Giornata Mondiale UNESCO del Libro e del Diritto d'autore

 

Sii parte anche tu della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore:

tu porta la lettura, il caffè lo portiamo noi!

 

Il Centro per l’UNESCO di Torino ti invita il 23 aprile 2018 all’incontro “LETTURE DAL MONDO”.

Partecipare è molto semplice: scegli un libro, un testo, una poesia che ti rappresenti o che abbia un valore speciale per te. Scegli un estratto e condividilo con noi! Leggilo nella tua lingua madre, così lo spirito sarà incredibilmente internazionale! A quante lingue arriveremo? 

 

Ti aspettiamo al VALENTINO BAR del Campus ONU di Torino DALLE 13.00 ALLE 14.00.

Se non puoi esserci, ma fremi all’idea di leggere qualcosa comunque, invia al nostro indirizzo email info@centrounesco.to.it un video della tua lettura, così verrai pubblicato sulla nostra pagina FACEBOOK. 

Siete tutti invitati!

Per informazioni e iscrizioni: info@centrounesco.to.it

L'iniziativa è inserita nel programma TORINO CHE LEGGE 


 

Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo - Genesi e prospettive future

Conversazione con la Presidente Maria Paola Azzario

L’impegno di Tullia Carettoni Romagnoli e la nascita del

Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo, ONG UNESCO.


Alfredo Casiglia, già assistente parlamentare della senatrice Tullia Carettoni, intervista Maria Paola Azzario, Presidente del Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo (FIDM). L'intervista è stata inserita nell’archivio dell’Unione femminile nazionale in quanto fondamentale strumento di corredo, insieme all’inventario e ad altre pubblicazioni, per la ricerca e la conoscenza della figura della senatrice Tullia Carettoni Romagnoli, il cui archivio privato è conservato presso questo ente.

 

Dalla conversazione con la Prof.ssa Maria Paola Azzario emergono infatti non solo affascinanti aspetti del carattere della senatrice, ma anche un’inedita descrizione di alcune circostanze che ne chiariscono l’impegno e la costanza nella creazione e nello sviluppo prima dell’associazione Forum delle Donne del Mediterraneo (poi divenuto Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo), nel 1992, e successivamente, nel 2002, dell’iniziativa informatica Ipazia.

 

Link al sito web dell'Unione Femminile Nazionale

 

Intervista completa alla Presidente Maria Paola Azzario

 

Presentazione della Pubblicazione Gioca con me L'integrazione attraverso lo sport

in occasione della Giornata Internazionale contro le discriminazioni razziali

 

 

Tema della Giornata Internazionale contro le discriminazioni razziali 2018 

“Promuovere tolleranza, inclusione, unità e rispetto per la diversità nel contesto della lotta alla discriminazione razziale"

“Le discriminazioni razziali assumono molteplici forme...ma in ultima istanza, tutti attingono alla stessa pericolosa ignoranza.

I tre pilastri: Scienza, Educazione e Cultura- tre invenzioni dell'uomo attraverso cui l'uomo si eleva e si ritrova - sono fondamentali per l’UNESCO e ne definiscono la missione specifica.

 Essere altro non è essere meno e la diversità è una ricchezza che deve essere rispettata.

Le numerose collaborazioni attivate negli ultimi anni in tutto il mondo, con esperti e politici locali e internazionali, con scuole, musei, organizzazioni della società civile, testimoniano il nostro impegno nella lotta al razzismo.  

 

La partnership, iniziata con la Juventus di Torino, nel 2014, ha riaffermato la necessità e l'urgenza di lottare contro la discriminazione nello sport.”  (tradotti ed estratti dal messaggio della Direttrice Generale UNESCO, Audrey Azoulay, dal Centro per lUNESCO di Torino)

Un esempio della collaborazione, tuttora in corso, ricordata dalla Direttrice Generale è il progetto “Un Calcio al Razzismo: Gioca con me”, nato nel 2012 dalla collaborazione tra Juventus Football Club e Centro per l’UNESCO di Torino.

Ed è proprio in occasione della Giornata del 21 marzo che annunciamo che a breve sarà disponibile la pubblicazione “Gioca con me. L’integrazione attraverso lo sport”*, che raccoglie  i risultati dei primi tre anni di progetto (2012-2015) - qui sotto potete vedere l’anteprima della copertina. (*Quaderno n°114, della Collana Ricerca e Didattica). 

 

Giornata Internazionale contro la discriminazione razziale

21 marzo

Tema 2018

 “Promuovere tolleranza, inclusione, unità e rispetto per la diversità

nel contesto della lotta alla discriminazione razziale" 

"Dal 1966 su iniziativa ONU la Giornata del 21 Marzo è dedicata alla lotta contro la discriminazione razziale. Questa data è stata scelta per commemorare le vittime di una manifestazione pacifista repressa nel sangue dalla polizia durante l'apartheid in Sud Africa.

Era mezzo secolo fa: il sistema di apartheid da allora è stato ufficialmente smantellato, ma il razzismo continua a risentirne.

Le discriminazioni razziali assumono molteplici forme, a volte drammaticamente brutali, a volte insidiose e subdole:  dall'insulto alle umiliazioni, a crimini legati all’odio, alle uccisioni di massa, dalle difficoltà di accesso all'impiego a pratiche razziste istituzionalizzate.

Ma in ultima istanza, tutti attingono alla stessa pericolosa ignoranza. Ecco perché, al di là del rafforzamento delle armi giuridiche e dei  dispositivi di punizione, l'ideologia razzista può essere combattuta in modo efficace solo dalle armi dello spirito e della ragione. In primo luogo grazie alla scienza, che rivela l'inganno del pensiero razzista e le sue origini sociali, ideologiche, politiche e storiche.  In secondo luogo, grazie all’educazione,  che insegna che essere altro non è essere meno e che la diversità è una ricchezza che deve essere rispettata. Infine, dalla cultura, unico mezzo grazie al quale possiamo sostituire le gerarchie assassine, con la visione di un mondo plasmata dalla coscienza dell'appartenenza ad un'umanità comune.

Questi tre pilastri, queste tre invenzioni dell'uomo attraverso cui l'uomo si eleva e si ritrova, sono fondanti per l’UNESCO e ne definiscono la missione specifica.

Il tema scelto quest'anno dalle Nazioni Unite per questa Giornata internazionale: "Promuovere la tolleranza, l'inclusione, l'unità e il rispetto della diversità nel   contesto della lotta contro la discriminazione razziale" è in perfetta armonia con questa missione.

Le numerose collaborazioni attivate negli ultimi anni in tutto il mondo, con esperti e politici locali e internazionali, con scuole, musei, organizzazioni della società civile, testimoniano il nostro impegno nella lotta al razzismo.  

Il progetto a lungo termine "The Slave Route", lanciato nel 1994 e ancora   attivo, ha operato in modo decisivo per migliorare la conoscenza della tratta degli schiavi.

La partnership, iniziata con la Juventus di Torino, nel 2014, ha riaffermato la necessità e l'urgenza di lottare contro la discriminazione nello sport.

L'anno scorso, con il patrocinio della nostra Organizzazione, è stata inaugurata la mostra "Noi e gli altri – dai pregiudizi al razzismo" al Musée de l'Homme di Parigi.

Intendiamo continuare questa lotta senza sosta, in particolare attraverso la “Coalizione internazionale delle città inclusive e sostenibili” sostenute dell'UNESCO , rete che ha dimostrato, sin dalla sua creazione nel 2004, una vera piattaforma per lo scambio di esperienze, in tutto il mondo. per migliorare le politiche contro il razzismo, la discriminazione, la xenofobia e l'esclusione. 

E’ solo grazie a questi sforzi che arriveremo a costruire un mondo in cui nessuno è assegnato a una condizione inferiore dell'umanità e dove, come dice il filosofo Achille Mbembe 'La realtà di un destino comune può scavalcare l'attaccamento alla differenza' ”.  

Messaggio della Direttrice Generale dell'UNESCO AUDREY AZOULAY

 

I Diritti Umani sono validi per tutti, senza discriminazioni. L’articolo 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani afferma che tutti gli esseri umani sono nati liberi ed uguali per dignità e diritti. Inoltre, secondo l’articolo 2, ciascuno di noi ha accesso ai diritti e alle libertà espresse nella Dichiarazione, senza distinzione alcuna.  

Tuttavia il razzismo, la xenophobia ed l’intolleranza sono problemi importanti in tutte le società, e le pratiche discriminatorie sono diffuse, in particolare nei confronti di migranti e rifugiati. In particolare quest'anno, in occasione del 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, ognuno di noi può unirsi alla lotta al razzismo, per difendere i Diritti Umani.

https://en.unesco.org/commemorations/racialdiscriminationday

http://www.un.org/en/events/racialdiscriminationday/

 

Giornata Internazionale delle Donne

Iniziativa del Centro UNESCO di Torino

L’8 marzo la Comunità Internazionale celebra la Giornata Internazionale delle Donne, occasione per riconoscere l’importanza globale del ruolo delle donne e per ribadire l’ impegno comune nel mettere fine alle disuguaglianze di genere. 

La parità di genere è una delle Priorità Globali UNESCO, Organizzazione da sempre impegnata nel riconoscimento dei diritti delle donne. Quest’anno, una particolare attenzione è riservata al ruolo delle donne nei media. In un’epoca in cui il mondo digitale acquista sempre più spazio nella vita di ognuno di noi, “l’UNESCO è in prima linea nella lotta contro le discriminazioni di genere, contribuendo a decostruire gli stereotipi che si diffondono attraverso i media. L’UNESCO, all’interno del suo mandato, agisce anche come ente dedicato all’informazione e alla comunicazione per portare avanti la sua battaglia nei media e attraverso i media” (dal messaggio della Direttrice Generale Audrey Azoulay).

Per celebrare la Giornata Internazionale delle Donne e contribuire alla lotta contro gli stereotipi di genere, il Centro per l'UNESCO di Torino organizza l’iniziativa #WomanIwishyouthat

PARTECIPA ANCHE TU!  Esprimi un augurio alle donne e invialo al nostro indirizzo mail info@centrounesco.to.it. Sarà pubblicato sulla nostra pagina Facebook!

Inoltre Puoi contribuire alla Giornata condividi lo slogan delle Nazioni Unite #TimeIsNow: unisciti agli attivisti di tutto il mondo e a UN Women per celebrare, agire e trasformare la vita delle donne ovunque. Il momento è adesso!

#InternationalWomensDay #WomanIwishyouthat #TimeIsNow


 

Giornata Internazionale della Donna

“Nella Giornata Internazionale delle Donne cerchiamo di fare tutto ciò che è in nostro potere per superare il pregiudizio radicato e  per promuovere l’uguaglianza di genere e l’empowerment femminile.” Antonio Guterres, Segretario Generale ONU. 


La Giornata Internazionale della Donna è un’occasione per celebrare i progressi fatti nella lotta per la parità di genere e per l’empowerment femminile, un’opportunità per riflettere in modo critico sui traguardi raggiunti e per ambire ad ulteriori miglioramenti nell’eguaglianza tra uomini e donne; è un’occasione per riconoscere le azioni straordinarie compiute dalle donne, per agire insieme per migliorare la parità di genere.

 

La parità di genere è una delle due Priorità Globali UNESCO, sin dal 2008 (l’altra priorità è l’Africa). In quanto Priorità Globale, le azioni orientate alla parità di genere si estendono a tutti gli Stati membri, coinvolgendo moltissimi partners.

Il tema della Giornata Internazionale della Donna 2018 - in linea con il tema principale dell’imminente 62esima UN Commission on the Status of Women - è “Le Donne rurali”, che rappresentano un quarto della popolazione mondiale e ben il 43% delle donne di tutto il mondo che lavorano nel settore agricolo .

A causa delle profonde disuguaglianze di genere e delle discriminazioni, le donne rurali vivono in condizioni peggiori rispetto agli uomini rurali o alle donne urbane. Per esempio, meno del 20% dei proprietari terrieri nel mondo sono donne, e, mentre la differenza di salario tra donne e uomini nel mondo è del 23%, nelle zone rurali questa differenza può arrivare al 40%. Mancano loro le infrastrutture ed i servizi, il lavoro decente e la protezione sociale, e sono molto più vulnerabili agli effetti del cambiamento climatico. Le Donne rurali rappresentano un enorme potenziale, e si stanno mobilitando per affermare i loro diritti e migliorare la loro vita.

Per celebrare la Giornata Internazionale della Donna, l’UNESCO organizzerà diversi eventi nel suo quartier generale, tra cui un’esposizione sulle “Donne Rurali” ed un’installazione intitolata “On Air with Rural Women” basata su materiale audio e digitale e su opere d’arte.

https://en.unesco.org/commemorations/womensday/2018

 

Il Centro per l’UNESCO di Torino parteciperà attivamente alla Giornata Internazionale: la Dott.ssa Laura Vazzoler, collaboratrice volontaria del Centro prenderà parte all’evento #wiki4women, che si terrà l’8 marzo presso la sede UNESCO di Parigi.  L’evento riunirà oltre 150 collaboratori, membri dell'UNESCO, membri di delegazioni permanenti, partner, rappresentanti della società civile, studenti e cittadini, con l’obiettivo di aumentare il numero di profili delle donne su Wikipedia e contribuire alla parità di genere anche su Internet. 

Potete unirvi anche voi! L'iniziativa # WIKI4WOMEN invita tutti a dedicare alcuni minuti del loro tempo per creare, arricchire o tradurre, in quante più lingue possibili, i ritratti di donne impegnate nei campi dell'istruzione, della scienza, della cultura, sociale e umana scienze, o comunicazione e informazione, su Wikipedia.

Non importa dove vi trovate nel mondo, tutto ciò che dovete fare per unirvi a # WIKI4WOMEN è registrarvi qui!