Eventi

18 MAG21 maggio 2022 - Sacro Monte di Crea

Sabato 21 maggio, alle ore 10:30, si terrà presso il Sacro Monte di Crea, il Convegno "Centro di Documentazione dei Sacri Monti Calvari e Complessi Devozionali Europei".


CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO

16 MAGCONVEGNO "Il patrimonio internazionale tra materiale e immateriale: itinerari culturali

Mercoledì 18 magggio 2022, dalle ore 9,00 alle ore 13,00 si terrà presso la Sala delle Colonne (Castello del Valentino) il Convegno internazionale dal titolo "Il patrimonio internazionale tra materiale e immateriale: itinerari culturali e convenzioni di Faro del Consiglio d'Europa, un confronto vero il futuro".

Interverrà anche la Presidente del Centro per l'UNESCO di Torino Maria Paola Azzario.

 

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA DELL'INCONTRO


15 MARWEBINAR La donna nella Costituzione. La Costituzione รจ donna?

Lunedì 21 marzo 2022, ore 15, si terrà il webinar "La donna nella Costituzione. La Costituzione è donna"?, organizzato dall'Associazione Nuove Frontiere del Diritto, in collaborazione con il Consiglio Nazionale Forense e l’Ordine degli Avvocati di Roma, Gruppo 24 Ore, Ali, Azione Legale, Laboratorio forense, ENTD, Uniti per Unire, Studio MepLaw e Amsimed.

Interverrà, tra le altre, la Prof.ssa Maria Paola Azzario, in qualità di Presidente del Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo, con un intervento dal titolo "Il contributo delle donne alla pacificazione, dialogo e cooperazione internazionale".


CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA

 

ISCRIZIONE ALL'EVENTO via email all'indirizzo angela.allegria@nuovefrontierediritto.it indicando nome, cognome, mail e numero di telefono.

19 GENConvegno presso i Giardini Botanici Hanbury a Mortola di Ventimiglia

Segnaliamo il Convegno "Lo ZSC di Capo Mortola e fondali Capo Mortola e San Gaetano a Ventimiglia: un patrimonio ambientale di eccezionale valore per l'Europa", che si terrà sabato 22 gennaio, ore 15:30, presso i Giardini Botanici Hanbury a Mortola di Ventimiglia.


11 NOVConcorso Internazionale Giovani per l'UNESCO

Segnaliamo con piacere il Concorso Internazionale rivolto a giovani dai 12 ai 25 anni per celebrare i 75 anni dell'UNESCO.

Il Concorso si sviluppa in 3 tappe, che si svolgeranno sottoforma di questionario online sulla storia e realtà dell'UNESCO nelle seguenti date: 16 novembre (anniversario della creazione dell'UNESCO), 23 novembre e 30 novembre.

I 6 vincitori saranno premiati, presso la sede UNESCO di Parigi, il 10 dicembre in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani.

Informazioni e dettagli sono disponibili sul Bando in lingua originale https://rb.gy/qbane9 e nella versione in italiano a cura del Centro per l'UNESCO di Torino https://rb.gy/gdhfxf

 

UNESCO Network News

07 LUGRapporto Mondiale di Monitoraggio dell'Educazione 2020

Nel suo Rapporto Mondiale 2020, l'UNESCO sottolinea che il 40% dei Paesi più poveri non sono riusciti a supportare i discenti a rischio durante la crisi dovuta al Covid-19 e lancia un appello a favore dell'inclusione nell'educazione.


Meno di un Paese su 10 dispone di leggi che contribuiscano ad assicurare la piena inclusione nell'educazione. Il Rapporto Mondiale UNESCO di Monitoraggio dell'Educazione 2020 "Inclusione ed educazione: tutti significa tutti" presenta un'analisi approfondita dei principali fattori di esclusione nei sistemi educativi del mondo intero, prendendo in esame gli indicatori di origine, identità, capacità.

Il Rapporto evidenzia un'intensificazione dell'esclusione durante la pandemia da Covid-19, stimando che circa il 40% dei Paesi più poveri non hanno sostenuto i discenti più svantaggiati durante la chiusura delle scuole. Il rapporto esorta, pertanto, i Governi a concentrarsi, al momento della riapertura delle scuole, su coloro che sono stati lasciati indietro al fine di rendere le società più resilienti e paritarie.

La Direttrice Generale dell'UNESCO, Audrey Azoulay, ha dichiarato: "Per affrontare le sfide del nostro tempo, è assolutamente necessario evolvere verso un'educazione più inclusiva. Ripensare il futuro dell'educazione è ancora più importante dopo la pandemia che ha aggravato ancora di più e messo in luce le disuguaglianze. Restare inermi comprometterà il progresso delle società".

 

Il Rapporto è disponibile, in inglese,

 CLICCANDO QUI

30 GIURapporto Mondiale 2020 delle Nazioni Unite sullo Sviluppo delle Risorse Idriche

Il Rapporto Mondiale 2020 delle Nazioni Unite sullo Sviluppo delle Risorse Idriche si intitola "Acqua e cambiamenti climatici" ed intende supportare la comunità idrica mondiale ad affrontare le sfide del cambiamento climatico e ad informare sulle opportunità che una migliore gestione delle risorse idriche offre in termini di adattamento e mitigazione.

Le prove scientifiche sono evidenti: il clima sta cambiando e continuerà a farlo, con effetti sulla società soprattutto per quanto riguarda l'acqua. I cambiamenti climatici, infatti, condizioneranno la disponibilità, la qualità e la quantità di risorse idriche per i bisogni umani basilari, minacciando l'effettivo godimento del diritto umano all'acqua ed ai servizi igienici potenzialmente per miliardi di persone. L'alterazione del ciclo dell'acqua presenterà dei rischi per la produzione energetica, la sicurezza alimentare, la salute umana, lo sviluppo economico e la riduzione della povertà, pregiudicando il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030.

Il Rapporto si concentra sulle sfide, sulle opportunità e sulle potenziali risposte al cambiamento climatico in termini di adattamento, mitigazione e migliore resilienza che una gestione ottimizzata delle risorse idriche può generare. Combinare l'adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici attraverso le risorse idriche è una proposta doppiamente vincente che migliora l'approvvigionamento di acqua e la fornitura di servizi sanitari e contrasta sia le cause sia gli effetti del cambiamento climatico, compresa la riduzione del rischio di calamità.

 

Il Rapporto è disponibile in inglese, francese e spagnolo CLICCANDO QUI.

 

18 MARLibreria Mondiale Digitale UNESCO

In queste giornate di permanenza a casa, segnaliamo la possibilità di consultare la Libreria Mondiale Digitale UNESCO (World Digital Library), realizzata in collaborazione con biblioteche, archivi, musei, istituzioni culturali ed organizzazioni internazionali di tutto il mondo.

Una raccolta unica, ad accesso libero, di libri, documenti, fotografie provenienti da tutte le culture, i cui obiettivi principali sono:

  • promuovere la comprensione internazionale ed interculturale;
  • espandere il numero e la varietà di contenuti culturali disponibili online;
  • fornire risorse per educatori, studiosi ed il pubblico in generale;
  • invitare a ridurre il divario digitale tra i Paesi.

 

https://www.wdl.org/en/

 


16 MARPremio UNESCO Madanjeet Singh per la promozione della tolleranza e della non-violenza

Il Premio UNESCO Madanjeet Singh per la promozione della tolleranza e della non-violenza ricompensa attività significative nel campo scientifico, artistico, culturale o della comunicazione che abbiano come obiettivo la promozione di uno spirito di tolleranza e di non-violenza.

Il Premio è stato istituito nel 1995 in occasione dell'Anno delle Nazioni Unite per la Tolleranza e del 125esimo anniversario della nascita del Mahatma Gandhi. Era anche l'anno in cui gli Stati membri dell'UNESCO hanno adottato la Dichiarazione di principi sulla Tolleranza. La creazione del Premio è stata ispirata dagli ideali dell'Atto Costitutivo dell'UNESCO che proclama che "la pace deve essere costruita sul fondamento della solidarietà intellettuale e morale dell'umanità".

Come riconoscimento dell'impegno di una vita in favore dell'armonia comunitaria e della Pace, il Premio è dedicato a Madanjeet Singh, Ambasciatore di Buona Volontà dell'UNESCO, artista, scrittore e diplomatico indiano.

Scadenza per la presentazione delle candidature: 31 maggio 2020.

 

PER APPROFONDIRE:

- Pagina dedicata sul sito dell'UNESCO con il Bando in inglese e francese

- Traduzione in italiano del Bando a cura del Centro per l'UNESCO di Torino

05 MAREmergenza sanitaria COVID-19

L'UNESCO ha pubblicato il primo report che presenta i dati della chiusura delle scuole, a livello mondiale, dovuta all'emergenza sanitaria del COVID-19. CLICCA QUI per consultare il portale dedicato.

Attualmente sono 290 milioni gli studenti, in 13 Paesi, che non vanno a scuola: un dato senza precedenti. L'UNESCO si sta attivando per fornire supporto immediato ai Paesi coinvolti, proponendo soluzioni per l'apprendimento inclusivo a distanza.

Sull'emergenza del COVID-19 pubblichiamo il contributo della Prof.ssa Dianella Savoia, Coordinatrice del Comitato Scientifico del Centro per l'UNESCO di Torino:

 

Questa emergenza sanitaria per salvaguardare la salute e limitare la diffusione del Coronavirus rappresenta una prova difficile, ma un comportamento univoco e responsabile può aiutare a fronteggiare e risolvere la difficile situazione. Come è stato indicato, misure di “rarefazione sociale” riducono la possibilità di diffusione del virus. Come non bisogna farsi prendere dal panico, così non bisogna sottovalutare e catalogare il problema come importante solo per anziani e malati. E’ un’ epidemia dell’età globale e, come tale, causa restrizioni delle prerogative personali, che dobbiamo accettare con resistenza e resilienza.

Questa patologia, come altre apparse negli ultimi anni, determinate dai virus Ebola, SARS, MERS e Zika, è di origine animale. Il 70% delle malattie infettive emergenti deriva da un’interazione tra animali selvatici e l’uomo. La qualità ambientale, la deforestazione e l’intensificazione degli allevamenti, specialmente in alcune zone, intensificano i rapporti anche con la fauna selvatica, in particolare i pipistrelli della frutta, portatori del virus. Il salto di specie del virus può essere quindi favorito in condizioni di modificazione degli ecosistemi.

In un mondo globalizzato il concetto di salute è quindi decisamente complesso, coinvolgendo la sfera ambientale e sociale.

Forse l’attuale emergenza aiuterà a rivalutare la scienza e darà dei dubbi ai “No vax”!

Ricerca nell'Archivio Tesi di Laurea









Cerca

Novità

Il Centro per l'UNESCO di Torino al Salone del Libro 2022

Il Centro per l'UNESCO di Torino sarà presente al Salone del Libro venerdì 20 maggio, alle ore 14:45 in Sala Arancio per la presentazione del volume “Hospitality and Inclusion through Cultural Heritage” di Donatella Biagi e Giuseppe Maino.

La Presidente Maria Paola Azzario presenterà il Centro di Documentazione del Centro per l'UNESCO di Torino.


 

Giornata Conclusiva Percorso Formativo 2021 2022 Transizione ecologica e stili di vita oggi per domani

2 maggio 2022 Campus ONU di Torino

Lunedì 2 maggio 2022, ore 9.30-17.00, presso il Campus ONU di Torino (Viale Maestri del Lavoro, 10) ed in diretta Zoom e Facebook, si è tenuta la GIORNATA CONCLUSIVA DEL PERCORSO FORMATIVO 2021/22 "Transizione ecologica e stili di vita oggi per domani".


Al mattino, dopo il benvenuto della Prof.ssa Maria Paola Azzario, Presidente Centro per l'UNESCO di Torino e della Prof.ssa Maria Lodovica Gullino, Direttore Agroinnova e Vice Rettore per la valorizzazione del patrimonio umano e culturale in Ateneo, hanno portato il loro saluto:

  • Chiara Foglietta, Assessora alla Transizione ecologica e digitale, Città di Torino
  • Michele Lastella, Vicario del Prefetto di Torino 
  • Teresa Gualtieri, Presidente Federazione Italiana Club e Centri per l'UNESCO (FICLU)
  • Luigi Di Marco, membro del Coordinamento Operativo ASviS e Referente dei Gruppi di lavori sui Goal 6-14-15 e 7-13

 

Come spunto per le riflessioni della mattinata la Presidente del Club per l'UNESCO di Ivrea, Carla Aira, ha presentato il progetto Salv8 realizzato dal Club e Mariella Ottino ha illustrato il volume "Il rinoceronte bianco" (Rizzoli).

I ragazzi delle scuole primarie e secondarie di I grado hanno poi presentato, ai loro coetanei e agli esperti che li hanno seguiti da novembre 2021, i lavori che hanno realizzato.

Alberto Maffiotti, ARPA Piemonte, Presidente Club per l’UNESCO di Vignale Monferrato e Marta Villa, docente e assegnista di ricerca Università di Trento e Presidente Club per l’UNESCO di Trento, hanno commentato i lavori presentati.

 

 

Al pomeriggio, dopo il benvenuto di Luigi Buson, Responsabile Servizi e Strutture Interne ITCILO, hanno portato il loro saluto:

  • Daniele Valle, Vice Presidente Regione Piemonte
  • Francesca Comisso, collaboratrice in staff, Assessorato alla Cultura, Città di Torino 
  • Franco Francavilla, Rappresentante Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte 
  • Marta Romano, Rappresentante EduIren

 

Gli studenti delle Scuole Secondarie di II grado hanno presentato i loro lavori, che sono poi stati commentati da Luigi Servadei, Ricercatore CREA-Centro di Ricerca Politiche e Bioeconomia e Alessandro Casasso, ricercatore di Ingegneria sanitaria ed ambientale, Politecnico di Torino.

La Prof.ssa Marina Mondin, Department of Electrical and Computer Engineering; College of Engineering, Computer Science and Technology; California State University, Los Angeles, ha offerto un interessante contributo a partire dalla considerazione relativa all'impatto della transizione ecologica sulla globalizzazione.

La Giornata è stata coordinata dal giornalista de La Stampa Paolo Griseri. 

 

PROGRAMMA DELLA GIORNATA


COMUNICATO STAMPA

 

Foto e video della Giornata sono disponibili sulla Pagina Facebook del Centro per l'UNESCO di Torino

 

 

 

 


 

Commission on the Status of Women 2022

Si è svolta dal 14 al 25 marzo la 66esima edizione della Commissione sullo Status delle Donne, sul tema "Cambiamento climatico - Ambiente - Riduzione del rischio di catastrofi. La parità di genere al centro delle soluzioni". Il Forum delle Donne del Mediterraneo, ONG UNESCO ed ECOSOC, come di consueto, ha seguito i lavori, fruibili in modalità telematica.

 

Gli ESITI principali sono stati:

Gli obiettivi della Commissione sullo Status delle Donne sono:

-      La piena realizzazione dell’uguaglianza di genere e l’emancipazione femminile entro il 2030;

-      L’introduzione di una prospettiva di genere nella realizzazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile;

-      Considerare le singole iniziative sviluppate in ogni Paese.

Inoltre, viene ribadita l’importanza del lavoro della Commissione per perseguire gli obiettivi della Quarta Conferenza sulle donne e dell’Assemblea Generale “Women 2000: gender equality, development and peace for the twenty-first century” e viene riconosciuta l’importanza di una piena realizzazione dei diritti umani e dei diritti fondamentali di donne e ragazze per raggiungere l’uguaglianza di genere e l’emancipazione femminile.

 

Si definiscono, infine, i futuri metodi di lavoro della Commissione sullo Status delle Donne:


1. La Commissione continuerà a organizzare incontri annuali per discutere dei principali obiettivi da perseguire, gli sforzi compiuti e le difficoltà riscontrate;
2. La Commissione si impegnerà ad accelerare i tempi per il raggiungimento di tali obiettivi, incrementando il dialogo con la società civile e tutte le organizzazioni governative e non-governative che si occupano dello status della donna;
3. Per incrementare l’attuazione degli impegni e degli obblighi presi nei precedenti incontri, la Commissione si impegna a mantenere e incoraggiare la partecipazione di rappresentanti di alto livello;
4. La Commissione discuterà delle principali difficoltà e dei possibili nuovi approcci per far fronte allo status della donna nella società, tenendo in considerazione gli sviluppi avvenuti a livello globale e le azioni previste dalle Nazioni Unite;
5. La Commissione valuterà i progressi ottenuti riguardo gli impegni concordati precedentemente, attraverso un dialogo interattivo con gli Stati Membri e monitorando i dati raccolti;
6. La Commissione continuerà a incoraggiare tutti gli Stati Membri a coinvolgere maggiormente la società civile, attraverso consultazioni nazionali riguardo temi di interesse sociale;
7. La Commissione invita gli enti delle Nazioni Unite, compreso il Comitato sull’Eliminazione della Discriminazione verso le Donne, a contribuire alla discussione e agli incontri della Commissione;
8. La Commissione incoraggia le ONG a partecipare al monitoraggio dei progressi nel quadro della risoluzione della Quarta Conferenza Mondiale, invitando il Segretario-Generale a utilizzare i canali di comunicazione attuali per incentivare tale partecipazione;
9. La Commissione si impegna a favorire il dialogo con i rappresentanti delle giovani generazioni delle delegazioni dei diversi Stati Membri.

 

La Voce ai Giovani 2022

Riprendono gli appuntamenti del programma del Centro per l'UNESCO di Torino "La Voce ai Giovani": pomeriggi di diffusione e sensibilizzazione pubblica, per dar voce a tesisti e docenti.

Gli incontri, quattro per anno, vedono la partecipazione di neolaureati e dei relatori della tesi prescelte, dal Comitato Scientifico dell’Associazione, esperti del settore e rappresentanti degli Enti locali. La selezione, operata dal Comitato Scientifico, si attiene ai temi prioritari proposti dall’UNESCO.

 

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA DEL PRIMO SEMESTRE 2022 

 

Il primo appuntamento del 2022, dal titolo “La Dieta Mediterranea a portata di smartphone” si è tenuto MERCOLEDI' 23 MARZO alle ore 15, presso il Campus ONU di Torino.

E' intervenuto il Dott. Erik Breda che ha presentato la sua Tesi, Corso di Laurea in Dietistica.

Sono intervenuti anche il Prof. Andrea Pezzana, il Dott. Andrea Devecchi e il Dott. Francesco Novarese.

 

 

Le fotografie e la diretta dell'evento sono disponibili sulla Pagina Facebook del Centro per l'UNESCO di Torino.

 

Incontro di formazione 14 febbraio 2022

Percorso Formativo 2021 2022 Transizione ecologica e stili di vita oggi per domani

Lunedì 14 febbraio 2022, ore 15-18, presso il Campus ONU di Torino ed in diretta Zoom e Facebook, si è tenuto il quarto degli incontri pomeridiani di formazione nell'ambito del Percorso Formativo "Transizione ecologica e stili di vita oggi per domani".

Sono intervenuti:

- Maria Flavia Di Renzo, Università di Torino, Dipartimento di Oncologia afferente all'IRCC di Candiolo, "Stili di vita e ambiente come cause del cancro"

- Arturo Bertoldi, Responsabile EduIren, "Meno rifiuti e meglio differenziati. Una sfida per tutti"

 

 

 

E' possibile rivedere il video dell'incontro sulla Pagina Facebook del Centro per l'UNESCO di Torino.

 

Prossimo appuntamento: lunedì 7 marzo 2022, ore 15-16.30, IUSTO (Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo, Piazza Conti di Rebaudengo 22) ed in diretta Zoom e Facebook.

 

Giornata Mondiale della Radio

Il tema della Giornata Mondiale della Radio 2022 è "Radio e fiducia".

CLICCA QUI per scaricare il messaggio della Direttrice Generale dell'UNESCO Audrey Azoulay per la Giornata.


Il Centro per l'UNESCO di Torino celebrerà la Giornata partecipando a 3 eventi:

 

Incontro di formazione 17 gennaio 2022

Percorso Formativo 2021 2022 Transizione ecologica e stili di vita oggi per domani

Lunedì 17 gennaio 2022, ore 15-18, presso il Campus ONU di Torino ed in diretta Zoom e Facebook, si è tenuto il terzo degli incontri pomeridiani di formazione nell'ambito del Percorso Formativo "Transizione ecologica e stili di vita oggi per domani".

 

Sono intervenuti:

- Alessio Rocchi, amministratore delegato Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo (IUSTO), “Educarsi e educare nell'era digitale

 

Andrea Devecchi, medico dietologo, “Per un migliore stile di vita: la Dieta Mediterranea, patrimonio immateriale UNESCO dal 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' possibile rivedere il video dell'incontro sulla Pagina Facebook del Centro per l'UNESCO di Torino.

 

Prossimo appuntamento: lunedì 14 febbraio 2022, ore 15-18, Campus ONU di Torino